Inter Club Penisola Sorrentina

Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

“Bella ZIO”

Pubblicato da Emilio Vittozzi in Libri · 6/8/2018 12:54:14
Tags: bellazioandreavitalimondadorieditoreemiliovittozziinterclub


Andrea Vitali
“Bella ZIO”
Mondadori Editore
Giugno 2018 - € 17,90

Per prima cosa, sopra ogni cosa, sottolineo che il libro è la storia di un giocatore che, con l’Inter, ha giocato 756 partite, segnando 28 gol, conquistando 1 Coppa Italia, 1 Campionato, 1 Supercoppa Italiana, 3 Coppa UEFA.
Già questi dati basterebbero a delineare la “grandezza interista” di Giuseppe Bergomi, per tutti Beppe, nato il 22 dicembre 1963, famosissimo per i suoi baffi (al punto che è stato riprodotto con Sandro Mazzola, Renato Zaccarelli, Roberto Pruzzo sulle bottiglie della “Birra Moretti” – Edizione Speciale 2016 “Campioni col baffo”).
Un libro scritto dal giornalista e scrittore Andrea Vitali che, con l’ausilio di Samuele Robbioni, ha firmato un’opera veramente degna di lettura: “Zio Beppe” ha affidato a lui il compito di raccontarsi e così una gran bella vita sportiva si trasforma in un romanzo, denso di ironia, paradossi, aneddoti di costume, che ci racconta un’Italia che non c’è più. Come non ci sono più i giocatori-bandiera come Mazzola, Facchetti, Zanetti, Rivera, Riva, Totti, Maldini, Franco Baresi. Se solo si pensa alla carriera calcistica italiana di Gonzalo Higuayn (Napoli-Juventus-Milan)…
Tutto nasce nell’hinterland milanese, in una famiglia semplice, tra le scuole delle suore e il tempo libero all’oratorio, sempre con la palla al piede.
Un’infanzia normale nell’Italia degli anni 60, quelli tanto cari a Gianni Minà…
Giuseppe – Beppe – Bergomi è quello che si definisce un bravo ragazzo, non certo un bad boy che cerca nel calcio il riscatto sociale come Best, Cassano, Cantona, Ibrahimovic, tanto per citarne solo qualcuno…
Beppe salirà sul podio più alto da Campione del Mondo a soli 18 anni, con la maglia della Nazionale Italiana!
Una carriera folgorante, lunga, e un alquanto inusuale attaccamento alla maglia nerazzurra, lo hanno fatto entrare nella mitologia del Calcio Italiano.
Quanti sono gli Inter Club a lui dedicati? Ricordo che in Campania, una ventina di anni fa, c’era a Cicciano…
Ora “Zio Beppe” lavora in televisione, molto spesso a fianco di Caressa: sempre preciso, attento, esaustivo nei commenti tecnici, al punto che i telespettatori l’hanno indicato come migliore “seconda voce” con Aldo Serena.
Buona lettura a tutti!

EMILIO VITTOZZI





Nessun commento
 
Torna ai contenuti | Torna al menu