Inter Club Penisola Sorrentina

Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

IERI, OGGI E SEMPRE: “NO AL RAZZISMO!”

Pubblicato da Emilio Vittozzi in Rassegna stampa · 24/1/2018 10:47:07
Tags: emiliovittozziinterclub

IERI, OGGI E SEMPRE: “NO AL RAZZISMO!”

I telegiornali mandano in onda, a tutte le ore, immagini raccapriccianti di barconi stracolmi di disperati in balie delle onde del mare e di “scafisti-negrieri”.
Si, il razzismo nel 2018 non è stato ancora sconfitto! Anzi…
L’ultimo a dimostrare la sua indole è stato Attilio Fontana, Candidato per il Centro-Destra alle Elezioni Regionali della Lombardia: “La razza bianca è a rischio”.
Una frase orrenda, allucinante, detta da chi vorrebbe gestire la “res publica” della più importante regione italiana.
Nei treni, nei bus, nelle file alle Poste, in banca, al supermercato è assai facile sentire casalinghe ed operai inveire contro il “diverso”…
Ecco perché ricordare e celebrare è un atto indispensabile e necessario, ma serve anche un rinnovato impegno nell’educazione, nella cultura, nel dibattito pubblico del Paese, affinchè si possa dire, finalmente, “Mai più!” di fronte ai rigurgiti di un’ideologia politica che avremmo dovuto lasciare alle spalle dal 1945…
Invece alle prossime elezioni si presenteranno formazioni politiche che si richiamo esplicitamente a quelle tesi: Casa Pound, Forza Nuova, Movimento Idea Sociale, Fasci di Combattimento, Movimento Sovranista, Fiamma Tricolore, Destre Unite, ecc. ecc…. (anche se avranno percentuali da prefisso telefonico…).

- Il 27 gennaio è il giorno della memoria, l’occasione per ricordare tutte le vittime dei campi di concentramento nazisti: ebrei, cattolici, socialisti, comunisti, omosessuali, zingari, disabili.
Vorrei, però, che in tale occasione si ricordassero le vittime di tutti i campi di concentramento del mondo intero, nessuno escluso.
Ricordiamoci, inoltre, di tutte le donne uccise per mano di uomini che dicevano di amarle; tutti gli omosessuali uccisi per mano di uomini che, caso mai, la notte li cercavano, nell’oscurità; tutti i disabili uccisi per costruire un mondo… sano, perfetto, bello come vogliono le teorie dei super-uomini bianchi.

- Io ricordo Elisa Springer, deportata nel campo di Auschwitz nel 1944 da parte delle bestie naziste…
Figlia unica di una famiglia ebrea (di origini ungheresi), nacque a Vienna il 12 gennaio 1918, rimase prigioniera fino al maggio del 1945, riuscendo a sopravvivere alle terribili condizioni di vita del campo.
Della sua storia ne fece libri-testimonianza: “Il silenzio dei vivi” (1997) e “L’eco del silenzio” (2003), entrambi “Marsilio Editori”.
I due libri hanno dediche esplicative, che fanno riflettere il lettore: “Alla memoria dei miei genitori, dei miei cari e a tutti i martiri dei lager. Al mio adorato figlio Silvio e a  Claudia” / “La misura dell’amore è amore senza misura – Sant’Agostino”.
Libri che parlano di Auschwitz, Bergen-Belsen, Buchenwald, Mauthausen, Majdanek, Trebljnka e di tutti i lager nazisti.
Nella foto si intravede il tatuaggio-marchio degli ebrei prigionieri dei campi: A – 24020.
Morta a Matera il 20 settembre 2004, per me rimane il simbolo della follia nazista, dell’abbrutimento dell’uomo sull’uomo, della schiavitù. Dalla sua bocca (l’ho intervista dinnanzi ad un foltissimo ed attento pubblico a Portici) uscivano parole dense di amarezza, di dolore per quanto vissuto sulla propria pelle, con il grande rammarico di essere sopravissuta a differenza di tantissimi altri, a cominciare dalla vicina di baracca Anna Frank…
Chi vuole può conoscerla un po’ di più acquistando i sopraccitati libri o, perché no?, ricordarla ascoltando “Auschwitz” nella versione di Francesco Guccini, dei “Nomadi”, della “Equipe 84”, dei “Modena City Ramblers”, dei “Tazenda” o di Ligabue.
Io, intanto, resto testimone della sua storia affinchè non se ne perda il “ricordo” nella moltitudine di tutte le vittime più “famose” che in questi giorni vengono ricordate!

- AUSCHWITZ -
Son morto con altri cento, son morto ch' ero bambino,
passato per il camino e adesso sono nel vento e adesso sono nel vento….
Ad Auschwitz c'era la neve, il fumo saliva lento
nel freddo giorno d' inverno e adesso sono nel vento, adesso sono nel vento…
Ad Auschwitz tante persone, ma un solo grande silenzio:
è strano non riesco ancora a sorridere qui nel vento, a sorridere qui nel vento…
Io chiedo come può un uomo uccidere un suo fratello
eppure siamo a milioni in polvere qui nel vento, in polvere qui nel vento…
Ancora tuona il cannone, ancora non è contento di sangue la belva umana e
ancora ci porta il vento e ancora ci porta il vento…
Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà…
Io chiedo quando sarà che l' uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare e il vento si poserà e il vento si poserà e il vento si poserà…

EMILIO VITTOZZI







Nessun commento
 
Torna ai contenuti | Torna al menu